L’azalea di Gent

Storia

L’azalea, arrivata dalla Cina e dal Giappone, approdò nella regione di Gent per la prima volta alla fine del diciottesimo secolo, proprio quando nella regione di Gent l’orticoltura ornamentale era in pieno sviluppo. Quella circostanza, insieme alla vicinanza della città e ad una buona infrastruttura, formavano un terreno fertile ideale. A ciò va aggiunto che il clima e il tipo di suolo sembravano fatti apposta per l’azalea. E così la nascita dell’azalea di Gent era un dato di fatto! Oggi c’è una grandissima offerta, grazie alle numerose ricerche eseguite e al perfezionamento della coltivazione, in cui i coltivatori fiamminghi hanno avuto una parte molto importante.
 

Prodotto regionale riconosciuto

Al giorno d’oggi quasi l’85% delle azalee europee proviene dalle Fiandre orientali. Nel 2010 l’ azalea di Gent ha infatti ottenuto il riconoscimento di “IGP”, ovvero “Indicazione geografica protetta” e così l’azalea di Gent fu il primo prodotto dell’orticoltura ornamentale a ricevere questo riconoscimento. Per poter offrire in vendita un’azalea come “azalea di Gent”, devono soddisfare ad elevati requisiti di qualità sia la pianta stessa che il suo coltivatore.